giovedì 8 gennaio 2009

Dall’altra parte della barricata

Ciao a tutti!

Dopo più di 3 mesi di completa e colpevole inattività sono rientrato in contatto con i fratelli del TKD Firenze. L’occasione è stata la sessione invernale di esami per cinture colorate del 19 Dicembre scorso.

Avevo chiesto al Gran Maestro Dommy di farmi sapere quando avremmo fatto la cena sociale natalizia e lui mi ha inviato una mail sorniona in cui mi scriveva che la pappa me la sarei dovuta guadagnare….”mettiti dobok e cintura nera e vieni a fare l’esaminatore all’esame, oh farabutto!”. In realtà è una tradizione della ns. società che, una volta conquistata la cintura nera, si debba ricoprire il ruolo di esaminatore alla successiva sessione esame cinture colorate. Si va dunque dall’altra parte della barricata, a giudicare. Ad essere sinceri questo compito ha ravvivato il mio orgoglio guerriero, ormai sopito da mesi di dolci e flautati pianti notturni della mia neonata Linda e vari cambi dei suoi pannoloni mentre l’altra mia pargoletta Stella mi addentava le caviglie per gelosia al grido di “ o lei o io!”.

Quindi nessuna esitazione, il 19 mi sono presentato in palestra in perfetto orario ed è stata una piacevole sorpresa vedere quanti allievi di tutte le età sono arrivati negli ultimi mesi al Centro Taekwondo Firenze – grandissimo ed efficace il lavoro di promozione del maestro Domenico!!. Bambini di 5 anni con sguardi più tosti di R. Gattuso e maturi professionisti che grazie a “l’arte dei calci in volo” hanno ritrovato una forma fisica e psichica invidiabile, tutti insieme in dobok bianco sul quadrato in trepidante attesa di essere valutati e conquistare l’agognata cintura e avanzare di un KUP (mezza cintura o cintura intera, a seconda del grado precedente). Ho ritrovato chiaramente tutti gli amici del mio corso, tutti in grande forma, tra cui i miei due storici compagneros Bitta e Payano che si stanno preparando con impegno per l’imminente esame per cintura nera…forza ragazzi, verrò a fare il tifo per voi armato di fotocamera!

Segnalo che insieme ai ragazzi del TKD Firenze hanno dato l’esame anche gli allievi senesi di un carissimo amico, Antonino Cappello, nostro atleta agonista di indiscusso livello che ha affrontato in passato i migliori taekwondisti italiani e stranieri e che solo per un fastidioso infortunio non ha potuto rispondere alla convocazione in Nazionale. Tutti i suoi allievi si sono dimostrati molto bravi e questo gli fa onore. Io tra l’altro sono rimasto come rapito da due suoi adepti: uno con un cesto incredibile di capelli e con una somiglianza fisica straordinaria a John Belushi – un mio mito - e sono stato tentato più di una volta di inforcargli un paio di RayBan neri ed un cappello per intonare con lui “Rawhide”. L’altra persona che mi ha colpito del gruppo senese è stata una giovane ragazza che indossava il dobok più strano che abbia mai visto; all’inizio non capivo se era una divisa da infermiera o da parrucchiera (…e visto il cesto di capelli di prima, ci stava pure!), solo dopo lo smarrimento iniziale ho letto TAEKWONDO in colore argento sulla sua schiena ed i miei timori sono stati fugati….ero sempre in palestra e non in un salone di bellezza!

Ma torniamo all’esame, sotto il supremo comando di Dommy, io e le altre cinture nere ci siamo divisi i compiti; a me ed Edoardo è stato chiesto di valutare le tecniche, dopo che le forme erano state esaminate con severo cipiglio dal bravissimo Maurizio Banchi, nostro campione italiano proprio di forme e noto avanzo di balera. I combattimenti sono stati invece seguiti dal nostro figliol prodigo Leo Pierini e da Lorenzo “Domi”.

Giudicare un'altra persona, valutarla e classificarla con un voto non è un compito che puoi prendere con leggerezza. Devi tenere presenti molti fattori, tra cui l’età, l’atteggiamento e la passione che emana dall’esaminando. Oltre chiaramente alla correttezza delle tecniche da eseguire. Per questo io ed Edoardo eravamo molto concentrati e devo dire che il nostro compito è stato reso più semplice dal fatto che tutti gli allievi sono stati bravi, posso ricordare su tutti le nostre 3 girls Roberta, Elisa e Simona, che si sono distinte per la precisione nelle forme e nelle tecniche e per la fredda cattiveria con cui si colpivano nei combattimenti. Non posso non ricordare anche che ho visto dei grandi miglioramenti in uomini ormai in là con gli anni come Alessio e Carlo, la grande passione e la costante frequenza dei corsi hanno compiuto un vero miracolo. Li ho lasciati pochi mesi fa in piena fase “lego” (inteso come geometrico e statico gioco, sinonimo di legnosa rigidità) e li ho ritrovati in fase “cicale” ( qui inteso come hit cantata dalla scioltissima Heater Parisi, la ballerina che riusciva a fare spaccate verticali vertiginose e causa per questo di una grave epidemia di onanismo a fine anni 80). Bravissimi davvero, sono così sciolti ormai che anche loro riescono a toccare il cielo con un dito ( del piede). Non posso tralasciare anche il buon esame di Francesca, che malgrado un infortunio alla caviglia sx è riuscita a prendere la giallo/verde. Tra l’altro durante le rotture delle tavolette Francesca è stata così decisa nel colpire che, dopo aver trapassato il legno, il suo pugno a maglio ha centrato con inaudita violenza la mia gabbia toracica (ero stato scelto come tieni-tavoletta, specialità di cui sono campione). La mazzata che mi ha dato mi ha davvero tolto il respiro e procurato un simpatico blocco respiratorio momentaneo, ma per non fare la mia prima figuruccia da cintura nera ho cercato di non svenire e guardando la platea ammutolita ho fatto “ no, no” con il capo, come a dire “ non mi ha fatto nulla, ci vuole ben altro…” ed ho ripreso pian piano a respirare regolarmente.

Comunque gli esami sono andati bene per tutti e Domenico alla fine della sessione ha regalato una maglietta verde col nostro logo a tutte le ragazze in dobok, che commosse hanno ringraziato agitando le loro cinture colorate nell’aere ed intonando inni natalizi.

Dopo l’esame il nucleo storico del TKD Firenze, guidato da Dommy e Lorenzo “Mambo” Balsimelli è andato a cena per i saluti delle festività. Al gruppo si sono uniti amici ed amiche ed abbiamo passato 2 ore in allegria tra birra e assaggi di peperoncino allo stato puro, che è la nostra forca caudina ogni volta che viene superato un esame….se non mastichi un peperoncino non sei degno di indossare poi la cintura conquistata !

Per finire voglio ringraziare l’autrice delle foto di questo articolo, la sorella di Leo Pierini, anch’essa praticante di taekwondo e di cui purtroppo non conosco il nome. Sapendo che vive in Canada e volendo fare il ganzerello le ho chiesto in perfetto inglese di farmi avere le foto della serata, lei in perfetto dialetto di San Frediano mi ha detto “Oh buhaiolo, e te le mando ‘n fretta e furia le foto, tu l’avrai pè posta elettroniha ,un ti preohhupareun fare ì biskeraccio”, lasciandomi sgomento.


Alla Prossima!

3 commenti:

Pietro ha detto...

Kummenda...leggevo per caso il tuo bloge mi sono visto accollare la somiglianza al mito di John Belushi per la seconda volta (la prima a Torino da parte del mio bassista). non ti nascondo di essermi trovato a ridere fragorosamente!!! grazie!cmq il cappello non mi manca, essendo un grande estimatore di questo accessorio, i rayban non sono quelli dei BB ma si può rimediare! P.S.a quanto pare qualche volta verremo ad allenarci a firenze...alla prox!

leo pierini ha detto...

senza parole, la tua bellissima descrizione dei momenti passati in palestra fa nascere in me la voglia di essere protagonista dei tuoi racconti...spero che un giorno ne sarò degno. Leo Pierini

Toufic ha detto...

TaeKwon Do ... che passione; comunque lo si descriva o lo si pratichi è storia, è amore, è passione senza laquale non si arriva da nessuna parte.
Iniziai a praticarlo nel 1979 all'Università Americana di Beirut (Libano), avevo 15 anni e lo praticai assiduamente, malgrado le difficili condizioni fino alla cintura blu. Poi per vari motivi e avendo la fortuna di essere anche Italiano mi trasferì in Toscana, a Prato nel 1985. Nel 1986, conobbi la "Pietra Miliare del Tae Kwon Do Toscano" il Maestro e amico Ali Ronagh Reza con il quale ripartì dalla cintura bianca (sono sempre stato convinto che la cintura non significa niente se non la si abbina a serietà e sacrificio"...Il Maestro Domenico Mazzocca, mi ha definito come uno dei pionieri del TKD in Toscana, lo ringrazio ma penso vada dato il merito alla squadra pioniera e non all'atleta, la prima società e squadra Toscana "la Polisportiva Firenze 5" con la quale sono cresciuto fino ad arrivare al II° dan ed al mio diploma di Istruttore (da aggiornare come direbbe Dommi :-) ). Purtroppo nel proprio percorso è la vita che decide tutto, per cui nel 1999 e nel 2000 ho avuto l'onore di allenarmi e partecipare alla preparazione della Nazionale TKD del Burkina Faso; una splendida meravigliosa esperienza. Dopo circa 8 anni di interruzioni (durante i quali ho praticato vari sport da combattimento) sono tornato alla "Madre di tutte le passioni" il TaeKwon Do.
Sono felicissimo e fiero di come il TKD si sia espanso in Toscana, e sono veramente contento di fare parte ormai del TKD Firenze ... Bravo Kommenda complimenti
Toufic