lunedì 28 dicembre 2009

Genova per noi....



…dobbiamo ammetterlo, il Centro Taekwondo Firenze ha un feeling particolare con la città della Lanterna, che negli ultimi 3 anni ha visto per ben 3 volte nostri atleti salire sul podio dei Campionati Assoluti Italiani Combattimento. Nel 2007 era stato Tommaso Pierini a vincere la categoria dei -78 Kg portando per la prima volta il tricolore a Firenze, e grazie a quella vittoria Tommaso ha meritatamente ricevuto il Pegaso per meriti sportivi dalla Regione Toscana ( per darvi idea del prestigio di questo premio, basta ricordare che tra gli atleti che lo hanno vinto ci sono Aldo Montano, Sebastian Frey ed il Mister Viola Cesare Prandelli).
La vittoria del 2007 ha galvanizzato il nostro team e il Gran Maestro Domenico ha avuto la conferma che il solco tracciato insieme a Tommaso poteva portare a raccogliere nuovi allori; dunque forza con allenamenti più duri e mirati alla tenuta agonistica! Domenico sta da tempo, con sommo impegno ed umiltà, allenando un gruppo di combattenti molto affiatato e caparbio che è cresciuto nel corso degli anni con gli arrivi di alcuni giovani promettenti…ma la gloria quest’anno è toccata ad un veterano del dwi chagi: il mitico Antonino Cappello che ha sbaragliato tutti nella -74 Kg. E’ stata una vittoria che ci ha colti di sorpresa, infatti molti di noi hanno avuto tipo svenimento quando è arrivato l’sms di Domenico che annunciava la vittoria; alcuni video amatoriali hanno ripreso Dommy che per la gioia ha percorso tutto il perimetro del Pala Vaillant facendo la ruota in giacca e cravatta, accompagnato dagli applausi dei tantissimi presenti; altri video hanno immortalato il Maestro Antonio Lussu – Commissario Insegnanti Tecnici per la Toscana – che per l’emozione giocava a poker con altri allenatori usando i cartellini blu per la richiesta verifica punti….sembra comunque che per la velocità con cui ha usato i cartellini blu durante le gare di Antonino sia già stato soprannominato il “Trinità in dobok” e per questo è già in lizza come accompagnatore della Nazionale per le prossime Olimpiadi di Londra.
Tornando alle gare, Antonino ha avuto il grande merito di imporsi su atleti dei gruppi sportivi delle Forze Armate, gente che il taekwondo lo fa praticamente di mestiere e si allena tutti i giorni mentre il nostro campione deve dividersi tra lavoro, allenamenti e attività di Maestro a Siena…insomma tanta roba e quindi il nostro applauso è ancora più grande, se si tiene anche conto che negli ultimi anni Antonino ha dovuto subire alcuni stop forzati a causa di infortuni fastidiosi che lo hanno fermato poco dopo la convocazione in Nazionale ….speriamo che questa sia la volta buona, tocchiamoci i colpitori per scaramanzia. Il segreto del successo è stato spiegato da lui stesso durante l’Antonino’s Day la settimana dopo il trionfo, quando di fronte ad un foltissimo pubblico accorso alla Palestra Stadio di Firenze ha detto le stesse cose che aveva detto agli spettatori di Genova appena concluso il duro incontro finale, ancora madido di sudore e segnato a sangue dai colpi dell’avversario:
"Quando sono venuto qui non sapevo cosa mi aspettava. Ho visto che molta gente mi odiava ed io... ed io... non sapevo... non sapevo come la dovevo prendere. Poi ho capito che neanche voi mi piacevate, ma durante questo incontro ho visto cambiare le cose: cioè quello che provavate per me e quello che io provavo per voi! Sul tappeto eravamo in due disposti ad ucciderci l'un l'altro, ma penso che è meglio così che milioni di persone! Però quello che sto cercando di dire è che se io posso cambiare, e voi potete cambiare... tutto il mondo può cambiare!” e giù lacrime tra i presenti…
No, davvero, molto meno cinematograficamente Antonino ha detto delle cose molte belle sul suo percorso di atleta e poi, umilmente ha spiegato che il segreto della vittoria è….non cercare la vittoria e combattere semplicemente per il piacere di mettere in pratica tutto quello che si è imparato, senza avere come obiettivo solo il risultato finale. Grande Anto, mi riconosco appieno in queste tue parole, credo proprio che tu possegga il Tao del Dragone, lo SPIRITO giusto che ogni artista marziale dovrebbe possedere.

Ed a proposito di artisti voglio ricordare che un altro nostro valido atleta è salito sul podio genovese, arrivando terzo nella categoria -63 Kg. Sto parlando del giovanissimo Paolo Bacciu, attualmente studente universitario del corso “Uso et abuso del Mirto Sardo – dalle origini ai nostri giorni ”ed atleta dalle ottime potenzialità. La sua categoria è unanimemente riconosciuta come una delle più difficili e competitive, con tanti atleti Nazionali ed il grande Diego Redina che ha trionfato anche quest’anno nonostante la mano fasciata per un infortunio. Paolo sta dimostrando grande passione per il nostro sport e si allena con costanza nonostante la giovane età, quindi ha tutte le carte in regola per seguire i consigli di Sabonim Mazzocca ed ambire a risultati davvero importanti. Comunque, per dovere di cronaca, se guardate il suo curriculum potrete vedere che la creatura si è già tolta soddisfazioni da paura, sia in Italia che all’Estero.
Insomma, il 5 e 6 Dicembre possiamo ben dire che Domenico ha raccolto i meritati frutti di anni di costante impegno e ricerca, anni dedicati con tutto il cuore al Taekwondo. E come tutti i grandi maestri, anche lui centellina con sapienza i piccoli segreti che aiutano a raggiungere i grandi risultati; in una recente intervista al Corriere della Seta – organo ufficiale della comunità cinese di Prato – il Maestro ha ammesso che per anni non era riuscito a dare esplosività alle gambe di Antonino, nonostante tutti gli sforzi che il nostro atleta facesse con pesi, squat etc etc. Il punto di svolta è stato quando Dommy ebbe l’IDEA di legare alle caviglie di Anto i 2 fratelli Scaramuzzo e di porre ad una distanza di 5 mt un piatto con della cassata siciliana, dolcetto di cui il nostro campione è ghiottissimo. Il carico a peso naturale più il desiderio di raggiungere al più presto la leccornia hanno fatto il miracolo: i muscoli e la reattività delle gambe sono aumentati a vista d’occhio ed adesso la tecnica vincente di Antonino è proprio quella del p… bè, questo non posso scriverlo…è un segreto!

Alla prossima e Buon 2010 a tutti i Fratelli del Taekwondo!

1 commento:

Tom ha detto...

Grande!!!!!!!!!! mitico il discorso rocky IV